Primi passi in un progetto di e-commerce con Site Server

di , in COM & WebClass,

Tutti gli strumenti e le tecnologie necessarie per sviluppare con Site Server possono rendere questi primi passi un tantino preoccupanti, perciò il fine di questo articolo è di darvi tutti ciò di cui avete bisogno per iniziare con Site Server 3.0. Parleremo di come stabilire un giusto ambiente di sviluppo usando la piattaforma Site Server, e vi rimanderemo ad un paio di buone risorse per ulteriori informazioni. Questi sono i punti che copriremo:

  • Scegliere l'hardware migliore per le nostre esigenze;
  • Installare il software correttamente;
  • Navigare tra i siti di esempio
  • Creare il primo store e usare Microsoft Visual InterDev per conneterci ad esso.

Ora, con un po' di fortuna, sarete pronti per costruire un sito e personalizzarlo per soddisfare le vostre esigenze tecniche e funzionali.

Scegliere l'hardware

Con un ambiente distribuito come Site Server la prima decisione da prendere è sul ruolo dei server. Stiamo per iniziare con una tipica configurazione con due server, dove un server è destinato a Site Server e l'altro a SQL Server. E' una buona configurazione iniziale perché l'ambiente di sviluppo è molto probabilmente pensato tenendo conto di questo e, ancora, Microsoft raccomanda questo tipo di configurazione per incompatibilità software. Hardware requirements for Site Server mostra le richieste minime del server - ma l'esperienza dimostra che la RAM è l'area migliore in cui investire. La richiesta minima di ram è di 64 MB, e quella raccomandata di 128, che può essere adeguata per un ambiente di sviluppo, ma che è probabilmente non sufficiente per quello produttivo.

Mentre state scegliendo l'hardware, potreste voler dare un'occhiata ProLiant Sizer di Compaq, che vi aiuta a dimensionare il server in accordo con le richieste di performance e scalabilità. La variabili da inserire includono il numero stimato di utenti massimi del sito per minuto, il numero massimo di acquisto per minuto e la media dei prodotti in un ordine, che serve per calcolare il numero stimato di transazioni al minuto. Il Sizer richiede l'immissione anche di altre variabili (come se SSL sarà supportato, che influirà sulla scelta della CPU) per finire con una lista di server che possono essere utilizzati con il vostro sito di e-commerce fatto con Site Server. E possiamo assicurarvi, con la nostra piccola esperienza, che cercare di risparmiare soldi sull'hardware può costarvi giorni in più di sviluppo.

Installare il Software

C'è una recente documentazione di supporto sul sito Microsoft sui passi raccomandati per l'installazzione con tutte le ultime novità http://support.microsoft.com/support/siteserver/install_ss3.asp . Troverete tre distinte tipologie di installazione, una per la situazione in cui Site Server e SQL Server sono due server separati e due per quelle situazioni in cui ite Server è sullo stesso server di SQL Server (una per SQL Server 7.0 e l'altra per SQL Server 6.5).

Il procedimento che stiamo per mostrarvi qui inizierà con l'installazione del SP 3 per NT, continua con quella del SP4, e finisce con l'installazione del SP5. Anzichè cercare di prendere scorciatoie durante questo procedimento, troverete più producente seguirlo fedelmente, facendo attenzione specialmente all'ordine di installazione del software. Per una installazione commerce, dovete prima installare la versione Standard Edition di Site Server 3.0 prima della Commerce Edition. Un'altra eccellente risorsa per questo procedimento è il capitolo dedicato all'installazione del libro Professional Site Server 3.0 (Non gli abbiamo chiesto di scriverlo - sul serio ;-) - Ed )

Una volta terminato il prodicemento di installazione, provate ad immaginare i drive in cui avete installato Site Server - questo può significare una differenza tra perdere un giorno ed un'ora se dopo qualcosa va storto nel progetto. E visto che usiamo il server di sviluppo, dovremmo essere in grado di fronteggarie il lusso di un'efficiente correzione non programmata.

Una volta configurati i server, potete muovervi nella workstation di sviluppo. La gente spesso fa la domanda se si deve installare Site Server anche sulla workstation di sviluppo, la cui risposta è 'no'. Normalmente, dovete installare gli strumenti e l'SDK per la workstation di sviluppo. Come si installano? Entrambe queste installazioni possono essere fatte con lo stesso

setup.exe 
usato per l'installazione del server. Abbiamo scelto NT Server per la nostra piattaforma per la workstation di sviluppo, che può sembrare spropositato, ma l'abbiamo fatto per simulare al meglio il nostro ambiente produzione. Il più potete simulare l'ambiente di produzione, minori saranno i problemi quando passerete all'installazione del tutto.

Questi sono altri suggerimenti per l'installazione:

  • Tenete traccia degli account che create durante l'installazione, e teneteli in un luogo coveniente e sicuro per il team di sviluppo (noi usiamo le Web Folders di Office 2000 per tutte la documentazione del progetto e le raccomandazioni da seguire).
  • Partizionate il vostro disco fisso in almeno due drive logici (uno per il sistema operativo ed i programmi, un altro per i siti di Site Server, e meglio ancora un altro per i log di IIS).
  • Tenete un notebook dietro il server di sviluppo, in modo che il team di sviluppo possa segnare tutti i cambiamenti più significativi fatti al server (installazione del software, cambio degli account dietro cui girare i servizi, ect.). Questo segnarsi i cambiamenti vi aiuterà a risolvere i problemi quando qualcosa andrà storto con il sito.

Navigare tra i siti di esempio

Un modo fantastico per imparare su Site Server è dare uno sguardo ai siti di esempio. Ce ne sono diversi dedicati in special modo alle funzionalità della versione Commerce, che è disponibile in due versioni: business-to-business e business-to-consumer. Il Volcano Coffee (disponibile su http://localhost/vc30 , sulla macchina su cui avete installato Site Server) è un comune esempio di sito business-to-consumer spesso segnalato come il tipico esempiodi sito fatto con Site Server 3.0. Infatti, ci sono un paio di versioni di Volcano Coffee - una che è inclusa con Site Server ed un'altra, che ha numerosi miglioramenti, che è disponibile con il Performance Kit . Il sito MSMarket ( http://localhost/market ) è un esempio di come Site Server possa essere usato per siti business-to-business. Questi sono tutti grandi strumenti di apprendimento perché vi permettono di guardare il codice ASP dietro le scene e di verificare le pipelines usate. Il codice ASP negli esempi dimostra l'uso degli oggetti comuni di ASP con quelli di Site Server Commerce.

Commerce Server imposta un insieme di ruoli per i siti di e-commerce - questi ruoli includono i consumatori, i gestori del sito e gli amministratori del sito. Per esempio, i gestori del sito per Volcano Coffee possono accedere il sito di amministrazione da http://localhost/vc30/manager . Questa è un'area in cui il gestore può inserire, modificare o cancellare prodotti, impostare prezzi promozionali, vedere i consumatori, gli ordini ed altro. Gli amministratori del sito possono accedere allo strumento di amministrazione di Site Server (WebAdmin) ( http://localhost/siteserver/Admin/Commerce/Default.asp , click su Server Administration). E' da notare che un amministratore può impostare le proprietà del sito (incluso impostare database ed informazioni sulla sicurezza) così come eseguire alcune delle funzioni di amministrazione, come aprire o chiudere il negozio.

Creare il primo negozio

Ora quindi, assumendo che Site Server è installato, e avete dato un'occhiata ai siti di esempio, andiamo al procedimento necessario per costruire il nostro primo negozio.

Site Server fornisce due wizard - il Site Foundation Wizard e il Site Builder Wizard. Il Site Foundation Wizard imposta l'infrastuttura per il vostro sito di e-commerce, e il the Site Builder Wizard the funzioni del vostro sito di e-commerce, basandos sulle opzioni che avete specificato. Questi sono i punti di partenza per il sito che state per costruire.

Per iniziare, avete bisogno di mettere in moto il Site Foundation Wizard andando sul WebAdmin, cliccando su Server Administration, e quidni Create. Potete usare le pagine generate, o migliorarle con le funzionalità che volete. Esattamente come se si stesse usando un design time controls, avete la facoltà di tornare al punto del Site Builder che vi interessa se volete cambiare qualcosa. Ma, anche come nei design time control, cancellerete tutte le modifiche che avrete fatto fino a quel punto.

Una buona strada da seguire quando si inizia a lavorare con Site Server è di alterare parti del sito costruite dal: cambiare le query SQL, inserire un component nella pipeline, etc. Un buon modo per migliorare il vostro skill sull'architettura di Site Server è di "rompere e ricostruire" sia un sito di esempio che uno generato da wizard. Se state per provarci con uno dei siti di esempio, vi raccomandiamo di fare una copia del sito in modo che abbiate la possibilità di comparare un sito 'pulito' con la vostra versione personalizzata.

Usare InterDev con Site Server

Ora che siamo andati certamente più in là di quanto avessimo potuto fare con il Wizard, cerchiamo di iniziare con un po' di materiale interessante. Abbiamo le estensioni Server di Front Page installate sul nostro server di sviluppo, perciò possiamo conneterci con questo. Iniziamo un nuovo progetto in InterDev, colleghiamo alla macchina su cui c'è Site Server, clicchiamo su "Connect to an existing web application", quindi scegliamo il sito appena creato e quindi clicchiamo su "Finish". Se il sito che abbiamo creato non viene mostrato, non abbiate paura, cliccate semplicemente su Create new web application, e riempite con il nome del sito (scegliete no se vi chiede di sovrascrivere il file global.asa). Date un'occhiata a cosa un negozio medio assomiglia - prendendo il

global.asa
. E' da notare le decisioni di design che sono state prese per il sito - nessun
Session_OnStart o Session_OnEnd
, uso di Application per le stringhe SQL, e della libreria di oggetti di Microsoft Commerce Server (MSCS). Questo ci introduce agli oggetti MSCS. Per esempio, date un'occhiata all'oggetto
MSCSShopperManager
, in modo particolare al metodo
InitManager
. Questo imposta dove verrà salvato l'id del consumatore, nella
querystring
, in un cookie, o entrambe con l'ordine di precedenza. Come trovare più informazioni su questi oggetti? Dando uno sguardo all'SDK c'è molto materiale qui. E, naturalmente, come detto Site server 3.0 personalization and membership ha un intero capitolo dedicato al modello ad oggetti di MSCS.

Conclusioni

Non appena diventerete familiari con le funzionalità di Site Server 3.0, sarete in grado di determinare meglio quale si confà meglio al caso vostro. E' costruito su una piattaforma COM estensibile, e utilizza alcune componenti che già usiamo come sviluppatori ASP, incluso ASP, ADO, etc. perciò è realmente non troppo lontano dalle nostre attuali esperienze .

I primi passi sono probabilmente i più difficili, specialmente con progetti che usano strumenti sofisticati come Site Server. La guida di valutazione ed il resource kit possono essere realmente utili ci sono, per esempio, documenti nel resource kit che vi ricordano tutte le fasi di un progetto con Sites Server.

In un recente progetto abbiamo dovuto estendere le funzioni dei prezzi, perciò abbiamo scritto una stored procedure per calcolarli. Considerato che l'applicazione non avrebbe funzionato con il modello di prezzi fissi di Site Server, abbiamo dovuto modificare il piano ed acquistare pipelines per sistemare il prezzo in maniera dinamica. E' solo un esempio di cosa renda Site Sever uno strumento così potente e perché è meglio perseverare; ed ora siete sulla vostra strada per costruire una soluzione di e-commerce con un insieme di strumenti veramente potenti.

Approfondimenti

Contenuti dell'articolo

Commenti

Visualizza/aggiungi commenti

Primi passi in un progetto di e-commerce con Site Server 710 10
| Condividi su: Twitter, Facebook, LinkedIn, Google+

Per inserire un commento, devi avere un account.

Fai il login e torna a questa pagina, oppure registrati alla nostra community.

Approfondimenti