Il web per le masse: Microsoft presenta il nuovo editor gratuito WebMatrix

Daniele Bochicchio

di , in ASP.NET,

Disponibile in una prima beta pubblica, da scaricare.

Microsoft ha presentato nella notte italiana un nuovo tool specifico per lo sviluppo web, pensato per chi non vuole la complessità di tool più avanzati come Visual Studio, ma vuole "semplicemente" creare applicazioni web. Si chiama di nuovo WebMatrix (qualcuno ricorderà il passato prodotto con lo stesso nome e gli stessi obiettivi) e parte dal presupposto che molti sviluppatori non vogliono la complessità di ASP.NET.

In realtà, questo stesso tool, che fonde e sfrutta molti dei progetti in un colpo solo (come il Web Platform Installer o i recententemente annunciati SQL Server CE 4.0 e IIS Express), non è limitato ad ASP.NET, ma può essere sfruttato anche per HTML e PHP.

Caratterizzato da un'interfaccia estremamente semplificata, introduce anche un nuovo view engine per ASP.NET, chiamato Razor, che semplifica notevolmente la scrittura di applicazioni web dove la parte di scripting è fortemente accoppiata con quella di rendering.


(Fonte: il blog di Scott Guthrie)

Oltre ad un editor, supporta anche meccanismi di deployment automatizzato verso gli hosting (sulla falsa riga di quello supportato da VS 2010)

Maggiori informazioni su WebMatrix sono disponibili nel sito ufficiale, da cui è anche possibile effettuare il download della beta.

Avremo modo di ccuparci di Razor (la nuova sintassi) e WebMatrix nel prossimo futuro. Vale la pena sottolineare, ad ogni modo, che questo non è un cambio nella strategia di Microsoft per il supporto ad ASP.NET (WebForm e MVC), ma solo un nuovo tool ed un nuovo approccio, mirato a semplificare lo sviluppo in quella fascia di applicazioni dove la rigorosità e la notevole mole di opzioni offerte da ASP.NET e dal .NET Framework sono percepite come un freno all'adozione di queste tecnologie.

Commenti

Visualizza/aggiungi commenti

Il web per le masse: Microsoft presenta il nuovo editor gratuito WebMatrix 1010 2
| Condividi su: Twitter, Facebook, LinkedIn, Google+

Per inserire un commento, devi avere un account.

Fai il login e torna a questa pagina, oppure registrati alla nostra community.

Approfondimenti